Cosa c'è nel vostro lettore multimediale?

Negli ultimi anni sono stati venduti milioni di lettori multimediali portatili. Le giovani generazioni vanno particolarmente pazze per questi gadget tecnologici. Ma hai mai pensato a cosa è contenuto in questo dispositivo digitale e a cosa lo rende così a portata di mano?

Ogni nuova generazione di lettori multimediali offre maggiori funzioni e migliorie sia in termini di software che di design, oltre al fatto che i nuovi modelli diventano sempre più piccoli e più leggeri. Che ci si creda o meno la chimica gioca un ruolo essenziale in questo processo!

I nuovi materiali che emergono dall’industria chimica permettono ai designer e ai produttori di migliorare la capacità, l’aspetto e la leggerezza dei dispositivi digitali. Sia che si trovino nei chip di silicone, negli involucri, negli schermi o nella batteria, i composti chimici sono essenziali per il funzionamento del lettore digitale e per la capacità di combinare una molteplicità di funzioni.

Gli ingredienti di un lettore multimediale.

I lettori multimediali sono fatti di policarbonato che è leggero ma abbastanza forte da funzionare come vetro antiproiettile. La combinazione di queste due proprietà lo rende un materiale ideale per i lettori multimediali, i quali devono resistere agli shock, all’umidità, al freddo e ai raggi ultravioletti.

Comunque resistenza all’impatto non significa resistenza al graffio. A tal proposito viene posto uno strato di resina sulla superficie. Uno dei benefici di questi materiali è che essi si prestano ad una varietà di colori, fattore essenziale per lo stile e il design dell’oggetto!

Lo schermo a cristalli liquidi è un’altra parte importante del lettore multimediale. Gli schermi a cristalli liquidi (LCDs, liquid crystal displays) hanno rivoluzionato la comunicazione visiva, specialmente in termini di leggerezza. I computer portatili, gli schermi dei telefoni cellulari, gli orologi digitali e i sistemi di navigazione per auto non sarebbero possibili senza la tecnologia degli schermi a cristalli liquidi.

Comunque ci volle molto tempo prima di passare dalla scoperta dei cristalli liquidi alla moltitudine di applicazioni di cui godiamo oggi. I cristalli liquidi furono scoperti dal botanico austriaco Friedrich Reinitzer nel 1888. Mentre stava fondendo colesteril-benzoato, scoprì che prima questo diventava un liquido torbido, e che poi si schiariva all’accrescere della temperatura. Durante il processo di raffreddamento, il liquido prima diventava blu, poi si cristallizzava.

Sorprendentemente nessuno trovò una qualche applicazione tecnica per i cristalli liquidi fino al 1968, quando fu prodotto il primo schermo a cristalli liquidi sperimentale. Da allora la tecnologia è migliorata in modo significativo e continuerà di questo passo nel futuro.

La chimica rende possibili nuove soluzioni tecnologiche

Le batterie costituiscono un potere essenziale per i lettori multimediali portatili. Esistono diversi tipi di batterie, tutte contenenti composti chimici, ma la batteria al litio è la più utilizzata per i lettori digitali. I designer possono modellare la batteria come si può modellare l’argilla, caratteristica che risulta particolarmente vantaggiosa per un prodotto tascabile. In più essa è ricaricabile.

La memoria è un elemento chiave per i lettori elettronici palmari per immagazzinare centinaia di file musicali e di video. Invece del disco rigido, i lettori digitali di musica utilizzano una memoria flash. Reso possibile dalla chimica, il chip a memoria flash può contenere un’ampia quantità di informazioni pur essendo estremamente piccolo, in verità più piccolo di una punta di matita! Inoltre questo protegge meglio le informazioni:diversamente dal disco rigido esso non contiene parti movibili al suo interno, cosa che lo rende più resistente al danneggiamento.

Le attuali tecnologie dell’informazione e dell’intrattenimento non sarebbero possibili senza la chimica. Vuoi che il tuo prossimo dispositivo portatile sia ancora più piccolo, più leggero, più potente e affidabile? Gli scienziati e i designer continueranno a lavorare mano nella mano per fornirci nuove soluzioni nel futuro!